Crea sito

LEAMARA è la via che dai Piani di Sant’Eusebio corre alta sul contrafforte tra la Val Bisagno e la Val Fereggiano e scende a Marassi attraverso gli insediamenti rurali della frazione Quezzi.

Nota sulla possibile etimologia del toponimo:
un’anziana abitante del luogo ci ha raccontato che in passato in questa zona c’erano molte letamaie.
In genovese letamaia si dice “liammëa”.
L’assonanza con “Leamara” è notevole.

La leggenda…

GLI GNOMI DI VIA LEAMARA
...Si narra che sulla crosetta di campagna che da Quezzi porta alla torretta, in primavera al mattino prestissimo, ci si può imbattere in simpatici gnomi celati sotto le spoglie di veloci leprotti che custodiscono delle monete d'oro fra i loro forti denti e le lasciano cadere ai piedi di chi è in un periodo di bisogno. I paesani sostengono che per propiziarsi questo dono bisogna lasciare dei piccoli omaggi agli gnomi, tre giorni prima della luna piena, in forma di piccoli dolciumi o di piccoli monili per i quali gli gnomi vanno pazzi!
Tali regali vanno depositati sulla crosa entro la mezzanotte, l'ora degli incantesimi, dopodiché si potrà attendere che gli spiritelli si facciano vedere.
Ciò non sempre accade, attenzione!
... molto spesso, sono proprio coloro che non conoscono la loro esistenza i fortunati che li incontrano.
Ma voi ci potete sempre provare...

 

 

 

 

E ora un po' di storia...

 

 

Le seguenti fotografie sono state scattate il giorno dell'inaugurazione della Cappelletta dei Cacciatori di Leamara

A CAPPELLETTA DI CACCIÖEI DE LÖAMÂ

Lasciû in çimma ai verdi monti
In ta stradda de Löamâ
Gh’è ‘na bella cappelletta
Ai cacciöei a l’è dedicâ
E tra o verde de ginestre
Quanta paxe a te sa dâ
Ti stæ ascosa sötta ai erböi
Quanta gente a te preghiâ.

Madoninn-a mi te pregö
Anche a nomme di cacciöei
Fa che a gente a segge bönn-a
Dagghe ûn pö serenitæ
Sciû, vegnighe ûn pö a pregâ
Che e só grassie a ve daiâ
T’offrö ûn fiore in scë l’artâ
Madoninn-a de Löamâ

Quande a fin da mattinn-a
O cacciöu o torna a câ
Anche se l’è cöexi tardi
Lì, da ti, ‘na sosta o fä
Quarche votta o mette ûn fiore
Drento a griglia, in scë l’artâ
O te dixe ‘na preghiera
E ûn pö triste o se ne va.


Lucio Emilio Vernazzano, 1968